Il social network dei 280 caratteri  ha un ruolo sempre più rilevante negli ambiti della disseminazione della ricerca e dell’aggiornamento professionale dei medici. Ma non solo: “Oltre a promuovere la nostra ricerca e a tenerci aggiornati attraverso le principali riviste cardiologiche noi giovani tendiamo a scambiarci molte idee e a condividere casi clinici”.

La testimonianza di Silvia Castelletti, cardiologa dell’Istituto Auxologico di Milano e membro del social media network dell’European Society of Cardiology (Esc)

Leggi l’articolo completo su Senti Chi Parla.